castagnaccio

Il Castagnaccio, una ricetta tradizionale italiana

castagnaccio

Il castagnaccio è un dolce tipico della tradizione toscana, ma diffuso anche in altre regioni italiane, come l’Umbria, il Lazio e la Liguria. Si tratta di una torta rustica a base di farina di castagne, acqua, pinoli e uvetta.

Le origini del castagnaccio sono antiche e risalgono al periodo medievale. In quei tempi, le castagne erano un alimento molto importante per la popolazione, in quanto erano una fonte di nutrimento facile da reperire e conservare. Il castagnaccio, quindi, era un dolce povero, ma nutriente e gustoso.

La prima ricetta del castagnaccio risale al XIII secolo e fu riportata da Martino da Como nel suo libro “Liber de arte coquinaria”. La ricetta era molto semplice e prevedeva solo farina di castagne, acqua e miele.

Nel corso dei secoli, la ricetta del castagnaccio si è arricchita di nuovi ingredienti, come lo zucchero, i pinoli e l’uvetta. Questi ingredienti hanno reso il castagnaccio un dolce più raffinato e gustoso. Regione che vai, ricetta del castagnaccio che trovi. Questa sembra essere la regola alla base della ricetta del castagnaccio e così se ne trovano versioni più o meno  dolci, con l’olio oppure senza, con  il rosmarino o con le noci. Anche sulla consistenza dell’impasto la questione è di ardua risoluzione: io appartengo al team di coloro che sostengono che l’impasto debba “Scrivere”( ovvero avere una  consistenza a nastro) , altri invece ritengono che debba essere liquido.  Quella che vi propongo è la versione classica toscana che non prevede lo zucchero. Ho scelto questa senza nulla togliere alle altre. Comunque sia, al di là di un ingrediente in più o uno in meno, il castagnaccio rappresenta sempre un pezzo della nostra tradizione culinaria ed è il simbolo dell’autunno in tavola. Una raccomandazione, l’unica: acquistate farina di castagna di ottima qualità, altrimenti potrete mettere tutto lo zucchero del mondo, ma il castagnaccio verrà amaro, tanto amaro da risultare immangiabile.

Salvati la ricetta del Castagnaccio così potrai prepararlo anche tu e condividila sui social per farla conoscere anche ai tuoi amici 😉


Per non perderti nessuna delle mie video-ricette ISCRIVITI (è sempre gratis) al mio canale YouTube QUI —-> La cucina di Rita . Clicca anche sulla campanella per attivare le notifiche e ne riceverai una ogni volta che pubblicherò un nuovo video

castagnaccio

  • DIFFICOLTA: facile
  • COSTO: medio-alto
  • TEMPO DI PREPARAZIONE: 10’+25′ cottura
  • INGREDIENTI per una torta da 24 cm: 300 g di farina di castagne, 350-400 ml acqua, 6 g di sale, 40 g di pinoli, 50 g di uvetta, 40 g di gherigli di noci, un filo d’olio, rosmarino

Guarda la video-ricetta del Castagnaccio QUI⬇

PREPARAZIONE:

Per una spiegazione più chiara e dettagliata ti suggerisco anche la visione del video qui sopra

Iniziate mettendo l’uvetta in ammollo in una ciotola d’acqua a temperatura ambiente così da farla rinvenire mentre preparerete l’impasto.

 

 

 

Mettete la farina di castagne in una ciotola e iniziate ad incorporare l’acqua poca per volta mentre mescolate con una forchetta. La regola dice che l’acqua deve avere un peso un po’ superiore rispetto a quello della farina. Quindi nel nostro caso circa 400 ml acqua per 300 g di farina di castagne.

 

 

Aggiungete il sale, circa un cucchiaino raso

 

 

 

 

Poi iniziate ad unire la metà dell’uvetta ben strizzata, la metà dei pinoli e dei gherigli di noci. Mescolate tutto

 

 

 

 

Ungete appena una teglia da forno da 24 cm e versatevi dentro l’impasto ottenuto.

 

 

 

 

Cospargete la superficie del castagnaccio con la restante uvetta, i pinoli e i restanti gherigli di noce spezzettati con le mani. Unite anche qualche ago di rosmarino.

Infornate il castagnaccio a  180°C in modalità statica per 20-25 minuti. Dovranno formarsi tante crepe in superficie. Non eccedete con la cottura altrimenti il castagnaccio tenderà a seccarsi troppo.

 

Il vostro castagnaccio è pronto. Lasciatelo raffreddare e consumatelo al naturale oppure accompagnato da salumi e formaggi. Se dovesse avanzare potete conservare il castagnaccio all’interno di un contenitore coperto e consumarlo nel giro di 3-4 giorni e …

Buon Appetito

Cuoca Rita

 

Puoi seguirmi anche su FacebookTwitter

oppure su Instagram o Pinterest

Iscriviti al mio canale YouTube

castagnaccio

Torna alla Home,

o prosegui la tua navigazione tra

gli Antipasti, i  Primi, i Secondi oppure tra

Contorni, i Dolci o i Lievitati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2024 Rita's Kitchen | Tema: Storto di CrestaProject WordPress Themes.