acqua di San Giovanni

Acqua di San Giovanni: cos’è e come si prepara

acqua di San Giovanni
La mia acqua di san Giovanni

La notte tra il 23 e il 24 Giugno è considerata una notte “magica”. Sono trascorsi tre giorni dal Solstizio d’estate del 21 Giugno e il Sole è ancora all’apice della sua altezza nel cielo. Il 24 Giugno sarà l’ultimo giorno in cui la luce avrà la sua durata massima e dalla notte successiva il buio durerà  qualche minuto in più prima del sorgere del Sole. Il ciclo della Natura ha raggiunto il suo culmine e inizia ora la lenta discesa verso l’inverno. Ed è proprio in questa notte speciale che si prepara l’Acqua di San Giovanni.

 

Quella dell’acqua di San Giovanni è una tradizione che si perde nella notte dei tempi e risale alle celebrazioni pagane antecedenti il Cristianesimo. In molte zone d’Italia la tradizione si tramanda ancora anche se soltanto come semplice usanza popolare.

Che cos’è l’acqua di San Giovanni e come si prepara?

Un tempo, al tramonto della sera del 23 Giugno le donne uscivano di casa digiune e si incamminavano sui sentieri di campagna o nei boschi e raccoglievano fiori, erbe di campo e piante medicamentose. Le donne anziane facevano strada alle più giovani e la passeggiata si traduceva in una lezione di erboristeria. Tutte le donne potevano raccogliere le erbe odorose per l’acqua di san Giovanni, giovani e meno giovani, purchè digiune.

Tornate a casa, le donne mettevano le erbe e i fiori raccolti all’interno di contenitori di rame o di vetro pieni d’acqua e quando la Luna era ormai alta in cielo, mettevano il contenitore sul davanzale della finestra o sul balcone. I fiori e le erbe avrebbero raccolto tutta la rugiada della magica notte di San Giovanni e al mattino quell’acqua avrebbe avuto delle proprietà curative. Infatti era usanza che l’acqua di San Giovanni venisse usata  la mattina del 24 Giugno da tutti i membri della famiglia per lavarsi mani e viso e quella avanzata venisse regalata a vicini e parenti come augurio di salute e prosperità.

Si credeva infatti che l’acqua di San Giovanni avesse proprietà curative e aiutasse a prevenire l’insorgenza di malattie e allontanare le calamità naturali. Il rituale della preparazione dell’acqua di san Giovanni era un rituale di salute, fertilità e prosperità.

acqua di San Giovanni
la mia acqua di san Giovanni

Quali piante utilizzare?

Dunque le donne al tramonto uscivano di casa e munite di forbici recidevano fiori e erbe di campo che trovavano lungo la strada. Tutte le erbe andavano bene ma si prediligevano quelle dalle proprietà curative: l’iperico, la malva, il biancospino, la camomilla e la borragine ma non mancavano le erbe aromatiche come il timo, la maggiorana e il rosmarino e per rendere più belle le ciotole di acqua di San Giovanni, venivano raccolti anche papaveri, margherite, campanule e rose. L’iperico non doveva mai mancare nel famoso catino. Perché? Si tratta dell’erba di San Giovanni per eccellenza e ha dei poteri naturali come antidepressivo. I suoi  fiori gialli hanno un effetto calmante allo stesso modo della camomilla e della valeriana. Si credeva che le proprietà curative di queste piante venissero intensificate dall’esposizione alla rugiada di questa notte e fossero in grado di prevenire dermatiti, scottature e congiuntiviti. L’acqua però, perdeva i suoi effetti curativi nel giro di 24 ore, perciò andava consumata entro il 24 Giugno.

 

Le origini dell’acqua di San Giovanni

La festa di San Giovanni  è una festa cristiana e in questo giorno si celebra la nascita di Giovanni Battista ma  le sue radici affondano  in un’antica celebrazione pagana chiamata Lithia, che veniva celebrata proprio  il 24 giugno, con riti propiziatori e con l’accensione dei falò.

La festa serviva per salvaguardare i raccolti e le  colture: Infatti a giugno tutti gli alberi erano in fiore e nei campi spuntano le prime spighe. Era proprio questo il momento di propiziarsi Madre Natura per evitare periodi di siccità o violente grandinate che potevano rovinare il lavoro di tutta la primavera.

La festa di Lithia era così sentita che il cattolicesimo la trasformò nella natività di Giovanni Battista e l’acqua di san Giovanni divenne l’acqua di rinascita e di salvezza della fonte battesimale.


Per non perderti nessuna delle mie video-ricette ISCRIVITI al mio canale YouTube QUI —-> La cucina di Rita . Clicca anche sulla campanella per attivare le notifiche e ne riceverai una ogni volta che pubblicherò un nuovo video


Se vuoi far vivere la tradizione dell’acqua di San Giovanni ti ho fornito tutte le informazioni per prepararla. Non ti resta che munirti di forbicine e raccogliere le tue piante per prepararla e …

Buona Acqua di san Giovanni

Cuoca Rita

 

Puoi seguirmi anche su Facebook, Twitter

oppure su Instagram o Pinterest

Iscriviti al mio canale YouTube

acqua di San Giovanni

torna alla Home,

o prosegui la tua navigazione tra

gli Antipasti, i  Primi, i Secondi oppure tra

Contorni, i Dolci o i Lievitati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2024 Rita's Kitchen | Tema: Storto di CrestaProject WordPress Themes.